Co.go: il brand italiano dal tocco inconfondibile

Mi sono innamorata di Co.go guardando la foto di copertina. E’ tutto perfetto. La luce, l’ambientazione, il passo della modella, il suo abito, la scollatura.

Spesso ci si chiede cosa renda davvero unico un brand Made in Italy, ma le risposte sono già nella domanda stessa: la sua unicità.

Il fatto di essere frutto di uno studio creativo che si accompagna ad una ricerca della qualità, sia nella scelta delle materie prime che in quella della manifattura, ad esempio, può fare la differenza.

Un capo Made in Italy, ancor di più se fatto a mano, si riconosce proprio per la sua unicità, per l’accuratezza delle cuciture, la bellezza delle stoffe e un mood estremamente elegante nella linea, quell’eleganza intrinseca che solo toccando con mano si può comprendere appieno.

Co.go crede in tutto questo e soprattutto nell’importanza dell’unicità: solo differenziando un prodotto, realizzando capi particolari eppure portabili in ogni momento della giornata e unendo la qualità dei tessuti con la capacità di dar vita ad un guardaroba diverso dal solito,  si può dar vita ad un brand davvero speciale.

E la storia di come nasce Co.go è davvero affascinante perché si tratta di creatività pura, declinata interamente al femminile.

Quello che rende unico un brand di moda però è anche la sua capacità di essere perfetto sempre, in ogni momento della vita di una donna e in ogni momento della sua giornata. Chi sceglie Co.go sa che sta acquistando capi che non sono fatti per seguire le mode passeggere, ma che garantiscono una qualità e una linea che va al di là delle mode stesse, diventando capi senza tempo, dei veri e propri evergreen.

E non è un caso che questo concetto di portabilità ed eleganza femminile venga proprio da due donne.

Maria Catia Cogo e Susanna Di Filippo, creatrici del brand, danno così vita nel 2013 a Co.go: dopo anni spesi a perfezionarsi, le stiliste decidono di inserire nel mercato i propri capi, disegnati e cuciti personalmente. Il primo nato di casa Co.go è stato “Gonfia”, una gonna sobria e semplice che ben presto è diventata il capo icona del brand.

Il brand Co.go, oltre ad ispirarsi ad un concetto di moda senza tempo, che sia in grado di dare spontaneità e naturalezza ad ogni donna, punta molto sullaricerca delle linee, sempre molto pulite, e della struttura dei capi. Il rinnovamento parte dalla fase creativa di disegno per poi unirsi alla migliore tradizione artigianale italiana, quella stessa che da sempre rende il Made in Italy grande nel mondo.

Con le sue creazioni Co.go entra nella quotidianità di ogni donna attraverso i capi che indossa e partecipa con lei a serate amichevoli e a ricevimenti galanti. Ogni collezione rappresenta una storia affascinante che sviluppa, attraverso gli anni, un sentimentale moto di passione, emozione e savoir-faire.

Le fondatrici di Co.Go hanno le idee chiare anche sul sistema moda Italia che considerano molto rilevante, dal punto di vista della forza produttiva,per il nostro Paese e per comprenderne il peso basta dare un’occhiata ai numeri: con un fatturato di 88 miliardi di euro, di cui il 62% destinato all’estero, 67mila imprese e 580mila addetti, il sistema moda italiaè senza dubbio uno dei settori chiave dell’economia italiana.

Ne conviene che le firme italiane hanno ancora un peso a livello internazionale, anche se negli ultimi anni molti brand italiani sono stati acquisiti da società estere;  l’Italia ed il “made in italy” restano importanti a livello internazionale, mentre la creatività ed il “saper fare” italiano restano un unicum di primaria importanza.

Ancora oggi d’altronde la moda è la scintilla che fa partire tutte le tendenze, secondo Maria Catia e Susanna: dalla moda nascono le tendenze di arredamento e design in genere, anche se le contaminazioni che partono da fashion sono sempre più rilevanti In settori diversi.

Tuttavia la fantasia e la creatività nascono da persone che non pensano con le logiche industriali del “copia/incolla” manifatturiero. I designer e gli stilisti creativi ci sono anche se spesso rischiano di essere inquinati proprio dai meccanismi industriali. Le fondatrici del brand però preferiscono pensare che ci sia ancora spazio per la creatività, anche se è sempre più difficile trovare o lasciare spazio a fantasia ed inventiva perché le logiche di business sono spesso schiaccianti.

Per fortuna l’artigianalità resta un caposaldo fondamentale per poter creare veramente un prodotto esclusivo e 100% made in italy

Alla fine il lusso è poter acquistare un prodotto sapendo esattamente che il valore di quel prodotto è dettato principalmente dal valore dell’oggetto in se, dai pregiati materiali utilizzati, dalle lavorazioni artigianali, dal packaging ricercato e dalle edizioni limitate o dal valore del servizio che viene garantito con l’acquisizione del prodotto (comunicazione e post vendita) e non solamente da valori collegati alla forza del brand.

Per ritagliarsi un proprio spazio ed essere conosciuti e riconosciuti dunque occorre crearsi la propria clientela fidelizzata, clientela che conoscendo il valore del prodotto è disposta ad attendere il prodotto anche mesi per l’arrivo in negozio. La soddisfazione sarà poter capire che qual prodotto è unico proprio perché creato conoscendo i gusti del singolo cliente. E’ importante poter comunicare direttamente con i propri clienti per sviluppare prodotti sempre migliori, grazie ai consigli ed alle critiche che si ricevono; oggi i canali social sono fondamentali per ricevere e comunicare con i propri clienti.

Co.Go da parte sua offre il lusso e l’esclusività di un prodotto pensato e prodotto veramente in Italia con tessuti e facon di altissima qualità. Il brand infatti ha come payoff  “Co.gonellArmadio” –nel senso di poter offrire un guardaroba completo, diverso,  a cui nessuna donna può rinunciare, composto da capi particolari, ma portabili in ogni momento della giornata.

Il target al quale il brand si rivolge è costituito da donne che amano lo stile del brand e si sentono parte di chi lo ha creato. D’altra parte oggi i consumatori vogliono sapere con certezza che stanno acquistando qualcosa di unico e i complimenti più appaganti che arrivano alle fondatrici di Co.Go sono quelli dalle clienti attraverso i canali social o le foto di alcuni negozianti che le informano di aver venduto un loro abito ad una famosa attrice.

Per il futuro il brand si augura di crescere e collaborare con nuovi clienti in Italia e all’estero, mentre ai giovani che vogliono intraprendere questa professione, le designer consigliano di avere passione per questo lavoro, costanza, sacrificio, perseveranza e soprattutto tanto ottimismo: le soddisfazioni arriveranno.

 

Scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati *