Scarpe A/I 2018: tutto quello che devi sapere per scegliere quella giusta per te

scarpe-2018

Se c’è un accessorio del quale noi donne siamo maniache sono proprio le scarpe.

E non è solo colpa di Cenerentola che ci ha insegnato fin da bambine come il giusto paio di scarpe possa cambiarci la vita, bensì è una questione di stile, di personalità.

Indossare un bel paio di scarpe cambia subito l’umore e ci fa sentire immediatamente più belle, più alte, più sicure di noi stesse, pronte per andare alla conquista del mondo.

Poco importa se si tratta di sling-back, decolletè, stivali o ankleboots: la scarpa giusta può regalarci un aspetto nuovo, migliorare la postura, rendere unico anche il più semplice degli outfit.

C’è addirittura chi le colleziona (la sottoscritta, anche in versione miniatura), chi ne ha un paio per ogni occasione o per ogni outfit, chi più varianti dello stesso modello, chi sogna una scarpiera come quella che Mister Big ha regalato a Carrie.

Ma se le scarpe sono un accessorio cruciale, oltre che la nostra croce e delizia (specie quando i tacchi ci fanno sognare un paio di ballerine dopo ore trascorse in piedi), è anche vero che la scarpa sbagliata può togliere fascino alla nostra persona, può far naufragare anche l’abito più ricercato e declassarci immediatamente da Miss Stile a “Cosa ti messa?”.

In particolare, non bisogna stare attente solo al tipo di calzatura che si indossa, allo stile, al colore o all’altezza del tacco, ma anche al fatto che sia la scarpa adatta per la nostra silhouette. Persino la scarpa più bella del mondo non renderà giustizia a chi la indossa, se non è adatta alla sua fisicità.

Prima di vedere però come scegliere la tipologia di scarpa (e di tacco) adatta per ogni silhouette, passiamo in rassegna quelli che sono i modelli must-have dell’autunno inverno 2017/18 prendendo spunto, come sempre, dalle varie fashion weeks di stagione.

Aspettate a rimettere in soffitta i sandali: nella stagione fredda si continueranno a indossare, parchè nei colori di punta di stagione come ad esempio il rosso, il burgundy e il blu scuro, e in un elegante velluto con fiocco. Ok con i collant coprenti, ma ancora più cool se indossati con il calzino in pieno street style.Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se

Altro must-have saranno le maryjane, rigorosamente con tacco piccolo, bianche e con cinturino, e le decolletè anni ’60 in colori pastello e con tacco super sobrio (anche in versione alternativa, come quelli di Maison Margiela).

Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-2Di gran moda anche le decolletè con tacco classico e applicazioni gioiello sulla tomaia (vedere Rochas) e quelle dal sapore vintage con tacco super squadrato (viste da Tory Burch) o a rocchetto su modello t-strap.

Capitolo stivali: i must-have di stagione saranno gli stivali rossi, nei modelli che preferite: ankleboots, slouchy boots (morbidi al polpaccio, eredi dello stile Seventies), stringati, o in stile furry shoes, ovvero con inserti in eco pelliccia colorata.Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-3

Restano in auge però anche i bellissimi (e difficilissimi da indossare) cuissardes, come visto sulle passerelle di Fendi e Bottega Veneta, e gli stivali dal sapore mannish, neri in pelle e vernice, con la punta.

Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-4Riguardo la questione tacco, sarà il kittenheel il tacco vincente di stagione: piccolo e femminile, dona a quasi tutte ed è anche comodo. All’opposto troviamo il platform esagerato, magari anche un po’ barocco come visto sulla passerella di MiuMiu e Mary Katrantzou.Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-4

Altro trend interessante è la stampa floreale, a volte di ispirazione giapponese, o con effetto sparkle, quindi in glitter o lurex.

Passiamo adesso a vedere come ogni figura ha la sua scarpa e come scegliere la calzatura perfetta per ogni silhouette.

Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-5Diciamo che si tratta di una questione di geometria e di armonia delle forme: la giusta scarpa deve slanciare, sorreggere in modo corretto il peso corporeo, donare a tutta la figura ed essere idonea all’abito indossato.

Difficile? Assolutamente no.

A ogni fisico la sua scarpa

Chi non supera il metro e cinquantacinque avrà sicuramente bisogno di una scarpa con il tacco che la slanci e le faccia sembrare più alte, ma nella scelta del tacco si deve tenere conto della forma corporea: chi è snella può osare un tacco a spillo ma se si è più morbide e formose allora il tacco alto dovrà essere più largo (diciamo un 2cmq di base per massimo 10cm di altezza).Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-6

Sebbene nell’immaginario delle donne basse ci sia l’idea che il plateau aiuti a conquistare qualche centimetro devo ahimè sfatare questo mito.

Il plateau appesantisce il piede e se oltre che piccole di statura avete una figura abbondante l’effetto finale non sarà certo comunicare leggiadria.

Che il tacco sia a stiletto o più largo, privilegiate sempre la suola sottile. E’più elegante e si armonizza meglio, nel suo minimalismo, con la vostra statura.

Bocciato anche il cinturino alla caviglia, che con la sua linea orizzontale spezza la verticalità della gamba, e gli ankleboots. Per lo stesso motivo evitare scarpe con la punta quadrata, piuttosto scegliere scarpe a punta per creare un effetto ottico di allungamento della gamba fino all’estremità del piede. In questo aiuta molto anche l’utilizzo sapiente delle calze. Dovranno sempre essere in tinta con la scarpa.

Per chi supera il metro e sessanta e ha una fisicità snella sono molto belle le classiche t-strap (sconsigliate invece alle più piccoline perché “tagliano” la lunghezza della gamba); chi invece ha una silhouette più corposa e magari ha gambe e polpacci ben torniti saranno perfette delle open toe con o senza plateau, le intramontabili decolletè. In merito agli stivali la scelta andrà fatta non tanto in relazione all’altezza nel suo complesso quanto al baricentro.

Se avete la gamba lunga e snella si può optare per stivali alti anche con un jeans dentro; viceversa se avete la gamba corta e tornita meglio evitare qualsiasi stivale alto perché otticamente renderebbe la gamba ancor più corta. Piuttosto mettere dei boots o anckleboots.Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-7

Per chi raggiunge il metro e settanta sono concesse alcune tra le scarpe più difficili da indossare perché normalmente “accorciano” la figura: sì al tronchetto con un bel tacco robusto, che sostiene la caviglia senza penalizzarvi anche se siete formose; ok alla punta tonda e al cinturino per le decolletè a tacco alto, se invece siete longilinee.

In generale se la vostra bodyshape presenta una forma a mela (spalle e busto ampio,  fianchi stretti) viene sempre consigliato il tacco largo per compensare la parte superiore del corpo. Un tacco a spillo accentuerebbe la forma a triangolo inverso.

Oltre il metro e settanta è meglio non esagerare con l’altezza del tacco: a questa altezza, se siete snelle e avete gambe sottili, potete permettervi le scarpe con cinturino multiplo, i famosi cuissardes e tutte le scarpe con tacco a rocchetto.

Scarpe-2018-giovanna-vitacca-immagine-se-8La punta sceglietela tonda se volete accorciare otticamente un piede che solitamente su queste altezze è proporzionale e quindi di posiziona tra il numero 39-41. Se siete formose ok a decolletè con tacco robusto, stivaletti bassi o con un tacco largo appena accennato con l’obiettivo di dare equilibrio alla figura.

E se proprio avete dubbi, lasciatevi consigliare da una consulente d’immagine che, a partire dall’analisi della vostra figura vi suggerirà quali sono i modelli  e colori di scarpe che meglio si addicono non solo alla body shape, ma anche al vostro stile personale.

Scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati *