Moda Uomo: come avere uno stile formale (cap. 1)

Fondamentale nella moda uomo è la scelta dell’abito e della camicia per un abbigliamento formale

Il mondo della moda non parla solo al femminile, ma come ben sappiamo, racchiude un vero e proprio universo sempre più diffuso e apprezzato: quella della moda per l’uomo.

In tema moda possiamo dividere gli uomini in tre grandi categorie.

La prima racchiude l’uomo dotato di un naturale senso dello stile, capaci di destreggiarsi in maniera impeccabile tra completi, camicie, cravatte, accostamenti di colori e accessori, in grado di ideare outfit originali e studiati nei minimi dettagli.

Nella seconda categoria ci sono tutti quegli uomini che vivono la moda come qualcosa di affascinante, in grado di valorizzarli, e per questo seguono con interesse le tendenze chiedendo spesso consiglio a chi ne sa più di loro per capire meglio quale stile abbracciare o come vestirsi nel modo giusto nelle occasioni più importanti.

Infine ci sono gli uomini che non si interessano minimamente alla moda e un po’ la subiscono, finendo per vestirsi a seconda dei gusti di mamme/mogli e fidanzate senza riuscire in questo modo a sviluppare un proprio senso dello stile.

In tutti e tre i casi ci sono dei capi però che possiamo considerare davvero universali: è il caso del completo maschile con camicia. Completo e camicia sono infatti due capisaldi del guardaroba maschile che non dovrebbero mai mancare nell’armadio di un uomo, perché sinonimo di eleganza.

Occorre scegliere per bene linea, modello e colori per non incappare in errori di stile clamorosi.

La linea di un abito da uomo ha lo scopo di valorizzare la figura ed è per questo che deve calzare a pennello. Questo comporta una scelta che deve necessariamente tenere conto della fisicità dell’uomo stesso e di elementi chiave come:

  • le spalle, che devono far scendere correttamente le manichein maniera perpendicolare, ma non devono essere troppo larghe perché altrimenti ingoffano la figura;
  • la manica, che dev’essere lunga al punto da lasciare intravedere sempre il polsino della camicia di qualche millimetro quando il braccio è disteso e di un centimetro abbondante quando il gomito è piegato;
  • il busto, con la giacca che deve essere abbastanza larga sul torace da poter essere abbottonata anche quando ci si siede, ma non troppo perché sennò fa apparire la figura più grossa del dovuto;
  • i pantaloni, che vanno scelti lunghi fino a sfiorare la scarpa, anche se la moda di oggi accetta anche pantaloni leggermente più corti, a volte anche lasciando scoperta la caviglia.In un completo elegante questo va naturalmente evitato.

Riguardo alla tipologia di completo da uomo si trovano principalmente tre combinazioni:

  • Lo spezzato, ovvero giacca con 2 bottoni o 3 bottoni e pantaloni
  • il doppiopetto, con spacchi laterali e mai centrale.
  • l’abito con panciotto, da riservare ad occasioni davvero molto eleganti anche se ultimamente gli stilisti lo stanno riproponendo molto.

Altrettanto importante per valorizzare la figura dell’uomo è la scelta del colore: le nuance tipiche dei completi da uomo sono il nero, il blu scuro e il grigio (sia chiaro che antracite) perché sono le nuance passepartout adatte ad ogni occasione.

Questo ovviamente non vieta la scelta di completi di colore diverso come il bordeaux, il marrone, il bianco o i completi pastello che si sono visti in passerella negli ultimi anni, così come non vieta la scelta di stampe floreali, a quadri, a righe o a fantasia.

Diciamo però che le regole classiche dell’eleganza maschile puntano più verso le nuance monochrome per le occasioni formali, mentre i modelli più alternativi vanno bene in occasioni informali e casual.

Nella scelta del colore di un abito da uomo occorre tenere a mente altri fattori importanti, quali il colore della pelle, dei capelli e degli occhi e, non ultima, la scelta di camicia, cravatta e accessori vari.

Sicuramente un uomo con un sottotono freddo starà bene con colori come il blu o il grigio, mentre il nero e il marrone donano di più a chi ha un sottotono caldo.

Per conoscere quale è la palette di colori, e quindi di tessuti da scegliere, potrebbe essere utile una Consulenza di Immagine personalizzata che aiuta a individuare i colori ‘amici’ e come abbinarli.

E la camicia?

Indubbiamente la camicia è un complemento fondamentale dell’abito da uomo e va scelta nel modello, nel tessuto e nel colore più adatto.

Una delle prime distinzioni che si fa riguardo la camicia da uomo è sicuramente legata al colletto: esistono infatti tante tipologie di colletto, alcune perfette per i completi più eleganti, altre da utilizzare solo per il tempo libero.

Per un completo maschile elegante sicuramente la più adatta è la camicia con collo all’italiana (con punte dritte piuttosto lunghe e un bottone, ideale per tutte le occasioni, specie per eventi formali), quella con colletto alla francese (con le punte più aperte, più giovane e trendy), il “collo club” con punte arrotondate, quello ad alette o a linguetta, tutti tipi di colletto piuttosto classici ed eleganti.

Fondamentale poi il tessuto: per un completo da uomo elegante è d’obbligo un tessuto classico come batista, popeline, Oxford, Twill, Pinpoint o seta.

Importantissima anche la scelta del colore che deve necessariamente essere abbinato al colore del completo: sicuramente le basi dell’eleganza consigliano completo nero, grigio e blu con camicie delle stesse tonalità o bianca (abito nero + camicia bianca o grigia; abito blu + camicia bianca o celeste; abito grigio + camicia nera o bianca e via dicendo).

C’è anche chi ama il tono su tono che è una variante elegante da riservare ad occasioni formali, ma dove non è obbligatorio seguire una particolare etichetta: ad esempio abito nero + camicia nera o abito grigio + camicia grigia o abito blu + camicia blu o celeste.

Anche in questo caso la scelta di tonalità e accostamenti deve necessariamente tenere conto dei propri colori e dell’occasione nella quale si indosseranno, oltre che della scelta di cravatta e altri accessori.

Non dimentichiamo infine la scelta degli accessori: calze, cravatta, cintura, pochette (fazzoletto da taschino), gemelli. Qui ci sono delle regole base da seguire, ma anche scelte di stile che influiscono molto sull’outfit finale, ma di questo parleremo in una prossima puntata J

Scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati *