Eccentrici POIS, fanno moda in bianco e nero

La stampa a pois è uno dei tessuti che ricorre spesso in tutta la storia della moda.

Quando si parla di moda e tendenze solitamente ci si concentra sulle linee e i colori che andranno di moda in quella stagione: quale tipo di capospalla, quale modello di pantaloni, il taglio e la lunghezza di gonne ed abiti e così via.

In realtà c’è un altro elemento che caratterizza le collezioni di stagione in stagione e sono proprio le stampe.

Le stampe su cappotti, abiti e accessori sono uno degli elementi che li caratterizza e gli regala carattere sottolineandone anche lo stile e l’ispirazione.

E’ così che, anno dopo anno, vediamo sfilare sulle passerelle internazionali righe, stampe floreali o tapestry, motivi geometrici o astratti, disegni ispirati ai cartoni o alle opere d’arte più celebri.

Solitamente quando si pensa ai pois le prime cose che vengono in mente sono, nell’ordine: l’abito di Minnie (che da piccole almeno una volta nella vita ciascuna di noi ha indossato in occasione di qualche carnevale), ma anche gli abiti bellissimi e femminili delle pin up anni ’50 o delle icone dell’epoca.

In realtà i pois hanno sempre fatto parte della moda, perlomeno da fine ‘800 e per tutto il corso del ‘900, anche se la storia delle loro origini ha varie interpretazioni.

In epoca medievale e fino al XVIII secolo, i pois non erano per niente ben visti nell’ambito dell’abbigliamento perché venivano facilmente associati a molte malattie della pelle ed infettive e dunque volontariamente non impiegati nelle stampe dell’epoca.

Nel Rinascimento i pois fecero la loro comparsa nell’ambito beauty, campeggiando sul viso delle donne del periodo sotto forma di punti tondi di tessuto nero applicati per mascherare le imperfezioni: era la pratica del “Moucheron” o “Patching”.

E’ nella metà del XVIII secolo che compaiono i primi i pois sugli abiti divenuti più semplici e minimali rispetto al passato.

Il successo dei pois sembra però arrivare, in modo del tutto casuale, grazie alla nota danza di origine boema, ovvero la Polka, che tra il 1840-1890 raggiunse il suo apice inducendo i produttori dell’epoca a cavalcare questa moda: venne coniato il termine Polka Dot (nome originario dei pois) e improvvisamente pois e polka si diffusero ovunque.

Molti storici però sono convinti che la vera moda dei pois nasca in realtà in Inghilterra alla fine del XIX secolo quando il dandy Beau Brummel iniziò a indossare sciarpe e cravatte a farfalla con stampa a pois, diventando una vera e propria icona di stile da copiare.

La tendenza dei pois sembra affievolirsi negli anni Venti per poi riapparire negli anni Trenta quando, gli amati pallini, iniziarono nuovamente a diffondersi a macchia d’olio su abitini, gonne, foulard e gioielli, con il loro inconfondibile bianco su fondo rosso, blu o nero.

E’ in questo periodo che “nasce” la storica fidanzata di Topolino, ovvero Minnie, che proprio in questi anni prende vita dalla fervida mente di Walt Disney che la disegna proprio con un bellissimo abitino rosso a pois bianchi.

Ma sono molti i personaggi storici che hanno scelto i pois per le loro mise, da Winston Churchill a Eleanor Roosevelt.

Storicamente però sono gli anni ’50 a vedere un incremento dell’utilizzo della stampa a pois: il boom economico, l’epoca delle grandi dive del cinema e di Hollywood, favorisce la diffusione e l’utilizzo dei pois grazie soprattutto alle grandi icone che iniziano ad indossarli in varie occasioni.

Da Marilyn Monroe a Audrey Hepburn fino a Brigitte Bardot che li traghetterà nei favolosi Anni Sessanta, i pois trovano nelle divine del grande schermo e nelle icone femminili dell’epoca un traino eccezionale che li farà apprezzare sempre di più dalla popolazione femminile che inizierà ad indossarli a sua volta.

I pois diventano così ben presto una delle stampe più amate: li usano abbondantemente le pin up, ma li si ritrova ben presto anche nell’abbigliamento per bambini, senza dimenticare cravatte e pochette da uomo. Insomma i pois diventano il simbolo della rinascita economica, del benessere e della spensieratezza.

Di nuovo i pois tornano in voga negli anni Ottanta quando, dopo un periodo piuttosto buio dal punto di vista economico dovuto alle grandi crisi degli anni ’70, tornano a rappresentare l’ottimismo e la fiducia nella crescita: stilisti e designer cavalcano l’onda e iniziano a utilizzare questa fantasia un po’ ovunque.

Diventano così a tutti gli effetti una delle stampe più amate ed utilizzate nel mondo della moda e, nonostante il passare degli anni, tornano a decorare con la loro gioiosa presenza le collezioni di moltissimi stilisti, oltre che opere d’arte e di design.

E non sembrano proprio mai passare di moda, perché sono allegri, colorati ma con garbo, versatili e femminili al tempo stesso.

Sono davvero moltissimi gli stilisti e i designer che, nel corso degli anni, hanno impiegato i pois nelle loro creazioni: da Rei Kawakubo per Comme Des Garçons a Miuccia Prada, da Marc Jacobs a Stella McCartney, da Gucci a Moschino, fino ad arrivare ai brand low cost come H&M, Pimkie, Zara e Bershka.

Oggi i pois sono un po’ l’emblema della moda vintage, del sapore anno ’50, eppure non hanno perso un grammo del loro fascino.

Anche per questa primavera/estate sono molti gli stilisti che li hanno proposti sulle loro passerelle: i pois in versione 2017 però vengono mixati a righe e quadri, e al classico pois bianco su nero, si preferiscono i colori arcobaleno.

Ad esempio Givenchy ha scelto un inedito mix and match all’insegna del colore che ottiene sovrapponendo tessuti see-through; Moschino ha proposto chemisier e camicie dall’aria bon ton e dall’effetto retrò; Saint Laurent ha puntato sullo stile disco –glam proponendo l’abito monospalla dal sapore Eighties impreziosito da luminosissimi pois metal, mentre Louis Vuitton ha mixato stampa check e pois black and white.

Ancora, Gucci ha regalato generose manciate di pois rosa su fondo viola o blu per i suoi completi in seta; da Creatures of Comfort invece i pois si sono fusi tra loro creando un gioco di cromie molto interessante e, infine, da Dolce e Gabbana piccoli pois bianchi hanno dato movimento ad abiti in voile trasparente.

| Filed under Non categorizzato | Tags: , ,

Scrivi un commento

il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico. I campi obbligatori sono contrassegnati *